Inizio con immenso piacere questo articolo formulando una domanda: perché è importante il ruolo del Personal Trainer?

 

È opportuno in questo periodo “storico” formulare nuove ed ulteriori prospettive Professionali, al fine di fornire un migliore orientamento agli attuali e futuri Professionisti della Salute.

 

Chi mette in campo le proprie Competenze al servizio degli altri, ha il dovere etico e morale di consolidare al meglio la propria Cultura professionale. Il cliente è sempre più informato e consapevole dei principi del benessere e della propria Salute: questi i motivi cardine del perché è importante che il ruolo del Personal Trainer sia meglio definito in termini di competenze ed operatività.

 

 

IL PERSONAL TRAINER COME GUIDA

Con il termine “Guida” alcuni Professionisti probabilmente si sono arrogati il diritto di intraprendere ulteriori ruoli professionali sconfinando, anche in buona fede, in altre professioni, trascurando quanto è importante e fondamentale della propria Professione: misurare, allenare e ascoltare il Cliente individualmente, secondo le loro esigenze e bisogni specifici.

 

ISSA Europe, mediante le sue forze organizzative, ha accreditato i propri piani di studio, alle linee guida professionali EQF emanate da Europe Active, accreditata dal Parlamento Europeo e anche le indicazioni a livello comunitario sono molto chiare ed esaustive:

 

  • Il ruolo di un Personal Trainer include la progettazione, l’implementazione e la valutazione di programmi di esercizio / attività fisica per i Clienti, attraverso la raccolta di dati (con strumenti adeguati) e l’analisi delle informazioni per garantire efficacia e adeguamento dell’esercizio personalizzato
  • Un Personal Trainer deve incoraggiare attivamente il potenziale Cliente a un corretto e sano stile di vita, impiegando appropriate strategie motivazionali e di follow-up periodico

Abbiamo l’opportunità di osservare quanto la Filosofia, con cui nasce e si basa la scuola di formazione ISSA Europe, sia allineata già da oltre 20 anni ai principi indicati e soprattutto, quanto si prodiga quotidianamente, per garantire che le proprie certificazioni, i seminari, i webinar, le informazioni e le formazioni, siano quanto più possibile allineati a questo scopo.

 

Ne abbiamo una chiara evidenza osservando i profili dei nostri Studenti, poi Professionisti certificati, CFT3 – CFT2 – CFT1, qualificati in corsi di specializzazione proposti dalla scuola (postural, senior, youth, functional trainer, marketing, comunicazione, nutrizione) per il loro migliore inserimento nel tessuto culturale e professionale nel settore dell’Efficienza fisica, garantendo una formazione continua e monitorata attraverso il Programma da Educazione Continua nel Fitness (ECF) di ISSA Europe.

 

 

Una buona Guida è prima di tutto capace di essere “Guida di sé stessa/o”, un buon esempio da seguire: è chi ha seguito un percorso formativo ed accademico per consolidare la propria Professione, arricchendo le proprie competenze; tecniche, commerciale e relazionali.

 

In un secondo momento, ovvero durante o dopo il percorso formativo nozionistico, ha effettuato molta pratica – pratica – pratica, consolidando quanto appreso per trasmettere le proprie competenze con le opportune abilità, e metterle in totale condivisione della Clientela, seguendo i principi fondamentali della deontologia e dell’Etica Professionale.

 

 

IL PERSONAL TRAINER ED IL SUO RUOLO

Siamo quindi consapevoli di quanto il ruolo del Professionista della Salute sia fondamentale per raggiungere e mantenere l’Efficienza fisica del Cliente:

 

  • Fornendo programmi di allenamento personalizzati, applicando correttamente la programmazione dell’esercizio
  • Sviluppando e applicando strategie per motivare i Clienti
  • Fornendo un buon “servizio Clienti” ed essere un modello positivo in ogni momento e tenersi aggiornati con le ricerche del settore

Il Professionista deve quindi avere ben chiare e solide le basi fondamentali per creare un efficace programma di allenamento: fit check > test funzionali > applicazione adeguata della metodologia di allenamento, pianificazione e monitoraggio degli obiettivi.

 

Una volta “tracciato” il percorso allenante sarà fondamentale saper utilizzare la migliore modalità comunicativa ovvero il modello di comunicazione più valido e pertinente, per come trasferire le informazioni (comunicazione assertiva, provocatoria, emozionale, persuasiva eccetera) e conoscere le principali leve motivazionali per dare quella “spinta” positiva al Cliente e cioè, educarlo alle nuove regole comportamentali, per fargli svolgere le azioni giornaliere per il nuovo stile di vita.

 

 

È proprio opportuno ricordarlo: la Salute del Cliente è sempre l’obiettivo fondamentale a cui il Professionista deve orientarsi e, deve avere sempre ben chiaro, mediante appropriati strumenti efficaci di riscontro, due aspetti chiave.

 

 

COSA SI ASPETTA UN CLIENTE DAL PROPRIO PERSONAL TRAINER?

Il Cliente si aspetta che il Professionista sia competente per la Professione che svolge o per cui viene riconosciuto e legittimato. ù

 

Il Cliente desidera che il proprio Personal Trainer (anche i colleghi) sia in ordine, nel vestire e nella propria immagine, che abbia sempre un atteggiamento cortese e cordiale, che sia sempre molto formato / informato, che possa essere una vera “Guida” al cambiamento, che conosca molto bene tutti i processi della motivazione e che sia lui il primo ad essere motivato, che sia preciso e puntale, che sia congruente tra ciò che dice e ciò che fa, che abbia sempre una buona parola ed un sorriso, che abbia cura, serietà e massimo riguardo del proprio Cliente, che applichi sempre ed in ogni caso, tutti i processi della legge sulla privacy a tutela del Cliente, che sia un buon ascoltatore e che non metta mai in atto un ascolto giudicante.

 

Il Cliente gradisce essere seguito per ogni singolo passo e per ogni “patto” esplicitato dal proprio Professionista, ed esige di raggiungere gli obiettivi che sono stati stilati al primo incontro, attraverso l’intervista di approccio o di conoscenza del percorso insieme.

 

 

Il Professionista della Salute del futuro dovrà avere un orientamento verso una collaborazione a tutto tondo con un Team interdisciplinare, avendo maturato una chiara e precisa Leadership individuale.

 

Conoscere ed applicare gli elementi fondamentali per essere parte di una squadra motivata ovvero condivisione degli obiettivi, organizzazione e coesione, saranno gli ingredienti indispensabili per creare un rapporto sinergico con gli altri settori.

 

 

COSA INTENDIAMO PER “SNODO” DIVULGATIVO?

Ci immaginiamo che il Professionista del fitness proprio per il fondamentale ruolo di ascolto del Cliente e per gli incontri individuali, sia la chiave di volta per l’indirizzamento verso altri professionisti, soprattutto appartenenti al sistema sanitario (medici, ortopedici, posturologi, dietologi, nutrizionisti, osteopati, fisioterapisti, psicologi, coach, preparatori atletici).

 

Questo futuro lavoro di Team di eccellenze per l’eccellenza, genererà un processo di reciprocità, ovverosia, metterà in moto un volano positivo dove le competenze di ogni Professionista saranno rinforzate e tutti lavoreranno per un scopo comune e condiviso: la Salute ed il benessere del Cliente.

 

 

 

a cura di Sandro Castellana – Life&Sport Mental Coach

 

 

 

 

iconafitesport

 

Desideri leggere tutti gli articoli presenti nella rivista  e riceverne una copia cartacea a casa?

Se sei un nuovo utente, REGISTRATI sul sito e acquista l’Abbonamento!

 

oppure

 

Se sei già un utente registrato, EFFETTUA IL LOGIN e rinnova il tuo Abbonamento alla Rivista!

 

Inoltre, una volta che ti sarai REGISTRATO, avrai la possibilità di partecipare alla CONVENTION ISSA e Iscriverti ai nostri CORSI e SEMINARI!

 



Autore:

Tags: , , , ,